Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK
rappunesco

Italia e Francia lavorano con l’UNESCO sul progetto Ice Memory

Data:

11/09/2017


Italia e Francia lavorano con l’UNESCO sul progetto Ice Memory

“Ice Memory” è un programma internazionale per la conservazione della “memoria” dei ghiacciai, attraverso la costituzione di archivi climatici in grado di tutelare il patrimonio ambientale per le generazioni future.

Il progetto "Ice Memory" é nato nel 2015 grazie alla collaborazione tra il CNR e le Universita' Ca' Foscari di Venezia e di Grenoble Alpes, con l'obiettivo di proteggere dalla minaccia del riscaldamento globale i preziosi dati su clima e ambiente contenuti nei ghiacciai. Cio' attraverso l'estrazione di campioni di ghiaccio (le cosiddette "carote") e la loro conservazione in appositi magazzini (le "caroteche"), situati in alcune zone particolarmente adatte, tra cui l'Antartica, dove questi scrigni "climatici" saranno a disposizione delle future generazioni. Oltre ad elementi di rilevanza scientifica (ad esempio temperature, livello di precipitazioni, velocita' del vento, tasso di aridita', etc.), gli scienziati hanno scoperto che la "memoria" del ghiaccio si estenderebbe anche a preziosi dati relativi all'ambiente culturale delle popolazioni che abitavano alcune zone del Pianeta.

Al progetto partecipano scienziati e ricercatori da Francia, Italia, Russia, Stati Uniti, Austria, Bolivia, Brasile, Cina, Germania, Giappone, Svezia e Svizzera.

É allo studio la possibile associazione dell’UNESCO al progetto, la cui proposta sarà esaminata dagli Stati membri nel corso della 202ma Sessione del Consiglio Esecutivo UNESCO (4-18 ottobre 2017).

 

Per saperne di più, clicca qui

 


202